Che cos’è il SebinaCAMP

SebinaCAMP 2019: e così siamo giunti alla tredicesima edizione del convegno annuale che riunisce la community Sebina.

Un’occasione di confronto di esperienze e di aggiornamento scientifico e tecnologico nello spirito di cooperazione che è uno degli elementi fondativi della storia della piattaforma Sebina.

Una grande comunità costituita da oltre 4.600 biblioteche, italiane e francesi, accomunate dall’uso della piattaforma Sebina.

Dal 2005 al 2015 ci sono state 10 edizioni di SebinaDAY. Nel 2016 c’è stata una pausa: è stato realizzato un video (trasmesso in ottobre) all’interno del quale gli interventi registrati sono stati l’anteprima del convegno del 2017.

Dal 2017 il SebinaCAMP, la formula rinnovata del convegno.

SebinaCAMP

Il convegno è un appuntamento istituzionale. Infatti, le sedi, così come i Relatori, sono espressioni del mondo universitario, della pubblica amministrazione locale e centrale.

La sede centrale è sempre un’università:

    • Università di Urbino (2019)
    • Università di Torino (2018)
    • Ca’ Foscari Venezia (2017)
    • Università di Parma (2015)
    • Sapienza Università di Roma (2014)
    • Università di Modena e Reggio Emilia (2013)
    • Università Politecnica delle Marche, Ancona (2012)

L’organizzazione si base su una partecipazione volontaria da parte di tutti, di conseguenza non sono previsti costi di organizzazione né da parte delle istituzioni ospitanti né da parte dei relatori.  Gli aspetti operativi e la regia del convegno sono curati da DM Cultura per il suo ruolo di azienda produttrice della piattaforma.

Nel 2018, hanno seguito il convegno organizzato presso l’Università di Torino, 927 persone collegate da 44 sedi periferiche distribuite su tutto il territorio nazionale. Hanno ospitato le sedi periferiche, quindi:  16 università, 24 sistemi territoriali, 1 biblioteca Nazionale.